STORIA DI OSIGLIA

Il Paese
Home Page
Dove Siamo
Storia di Osiglia
Galleria Fotografica
Il Comune
Il Comune
Il Sindaco
La Giunta
Il Consiglio
Statuto e Regolamenti
Albo Pretorio
Gli Uffici Comunali
Sportello Unico Attivita' Produttive
Amministrazione Trasparente
Sportello Virtuale
Modulistica
Bandi e Concorsi
Incarichi Esterni
Turismo e Tempo Libero
Ambiente e Territorio
Il Lago
Da vedere
Sport e Tempo Libero
Riserva Turistica di Pesca
Ricettivita' Turistica e Servizi
Manifestazioni
Altri Servizi
Ospitalita' e Ristorazione
Negozi e Specialita'
Luoghi di Ritrovo
Depliants da scaricare
Tra storia e turismo
Manifestazioni Pro-Loco anno 2015
Manifestazioni Pro Loco anno 2016
STORIA DI OSIGLIA

Il territorio della valle Bormida, ove è ubicato il paese di Osiglia, era compreso nei possedimenti della Marca Aleramica; una delle tre Marche, insieme alla Obertenga e all'Arduinica, che delimitavano la zona detta Liguria nei secoli IX-XI e che si erano formate dalla divisione della grande Marca Anscarica voluta da Berengario II re d'Italia. La valle Bormida faceva parte dei possedimenti donati nel 967 dall'imperatore Ottone I ad AIeramo, personaggio di discendenza franca. Nell'atto di donazione, infatti, si legge 'Omnes illas cortes, in desertis locis, consistentes a flumine Tanaro usque ad flumen Urbam et ad litus maris'. Aleramo fu capostipite della dinastia di cui seguì le sorti l'insediamento. In seguito a matrimoni con discendenti di altre dinastie e a conquiste territoriali, il nome della famiglia si trasformò prima in Del Vasto, marchione di Savona, e quindi in Del Carretto, marchesi sia di Millesimo sia di Finale. Osiglia fu sottomessa al ramo finalese della famiglia.

foto_osiglia Il castello, ubicato sullo sperone più alto della collina rocciosa che sovrasta il borgo, fu costruito intorno ai secoli XI-XII a scopo di difesa della valle. Attorno alla fortificazione si sviluppò, a valle della stessa,il borgo protetto da una cortina muraria, da case a schiera e dal torrente Osiglietta. Le mura presentavano due porte frontali ancor oggi visibili anche se rimaneggiate. Pochi ruderi del Castello sono sopravvissuti alle distruzioni, probabilmente spagnole, e all'incuria del tempo. Il piccolo borgo ha mantenuto il suo aspetto e il suo fascino medievale caratterizzato da case in pietra, stradine acciottolate e bassi sottopassi fra una casa e l'altra. Si hanno notizie, consultando i contratti di vassallaggio della fine del 1300, che Osiglia aveva una densità demografica di circa 180 abitanti. Questo dato è assai rilevante in considerazione del fatto che venivano contati solamente gli Homines senza tenere conto delle donne, dei bambini e degli anziani. Il paese, quindi, era considerevolmente popolato, alla sua espansione avevano contribuito lo sviluppo delle ferriere e la conseguente produzione di carbone..


Si possono ritrovare alcuni cognomi locali in un registro catastale risalente al 1453-55 e nelle copie di statuti risalenti al basso medioevo (1337) depositati presso il Comune. Durante i secoli XVII-XVIII, l'insediamento fu coinvolto nelle lotte fra Francia e Spagna, che se ne contendevano l'egemonia politica, nelle quali furono interessati anche i Savoia che miravano ad ottenere uno sbocco sul mare. Il territorio aveva infatti una importanza strategica sia per il controllo dei valichi alpini, sia per la difesa del marchesato del Finale perché rappresentava, appunto, la possibilità di un porto sul mare. foto_centro_storico


Durante la campagna d'Italia condotta da Napoleone alla fine del secolo XVIII, il paese non fu teatro delle battaglie che però si svolsero nei paesi limitrofi ed è quindi probabile che le truppe siano transitate per la località lasciando tracce sia nel dialetto sia in altre usanze. Molti sono stati i caduti osigliesi durante la guerra 1915-18 e lo stesso si può affermare in relazione alla Seconda Guerra Mondiale durante la quale nel paese si svolsero le lotte partigiane, attestate dalle lapidi e cippi che si trovano sulla piazza e in altri luoghi.
Area Riservata
Utente:
Password:
Meteo
Webcam - Il Lago in Tempo Reale
Webcam - Osiglia in Tempo Reale
Accessibilita'
Carattere Normale
Carattere Medio
Carattere Grande

Comune di Osiglia - Località Rossi, n.2 - 17010 Osiglia (Sv)
Tel.019/542085 - Fax 019/5522600 - C.F.00341680098 - mail: protocollo@pec.comune.osiglia.sv.it

Privacy - Privacy Cookies

Hi-Tek Assistance 2010 - Tutti i Diritti sono riservati